Lingua: Italiano English


Home page Aia Home page Aia
Logo Aia

  28/03/2019
“Inno4Grass” premia gli allevatori europei

Gli allevatori più innovativi d’Europa si danno appuntamento alla cerimonia di premiazione di Inno4Grass  in Germania a giugno. Alcuni allevatori innovativi europei riceveranno un premio internazionale per l’impegno profuso nel miglioramento e nella buona gestione dei prati e pascoli. Questa iniziativa è parte integrante del progetto triennale Inno4Grass , una rete tematica internazionale finanziata con due milioni di euro dall’Unione Europea nell’ambito di Orizzonte 2020. Gli allevatori che riceveranno il premio, uno per ciascuno degli otto Stati Membri europei partecipanti al progetto, rappresentano l’eccellenza per quanto riguarda la gestione dei prati e pascoli in diverse condizioni di clima, tipo di sistema e di suolo. Ciascun allevatore è stato individuato nel proprio Stato Membro attraverso una selezione o una competizione. Gli otto Stati Membri che saranno rappresentati nella cerimonia di premiazione sono la Germania, il Belgio, la Francia, l’Irlanda, l’Italia, i Paesi Bassi, la Polonia e la Svezia. Questi Paesi sono accomunati dalla forte presenza di prati e di pascoli rispetto all’area agricola nazionale e dalla grande importanza del settore zootecnico rispetto all’economia agricola nazionale, soprattutto in riferimento ai settori della produzione di latte e carne, sia bovini che ovini. La premiazione sarà la conclusione di una due giorni di iniziative che si svolgeranno in Germania dall’11 al 12 giugno 2019. Il primo giorno, i partecipanti visiteranno alcune aziende vicino ad Oldenburg, nel Nord della Germania, e si confronteranno sulle diverse modalità di gestione del pascolamento e sulle tecniche di conservazione dei foraggi. Il giorno seguente si sposteranno ad Hannover, dove avrà luogo una Conferenza sui pascoli e prati e si terrà la cerimonia di premiazione. L’evento sarà supportato dal Ministero per l’Agricoltura tedesco. Le azioni del progetto Inno4Grass  mirano alla riduzione del divario esistente tra le conoscenze del mondo agricolo e quelle della comunità scientifica, allo scopo di sostenere la realizzazione di sistemi innovativi su pascoli e prati produttivi. Lo scopo di lungo termine del progetto è quello di aumentare la redditività delle aziende agricole europee che basano le loro produzioni sul pascolo e di custodire il valore generato sotto il profilo ambientale. Le nostre congratulazioni ai premiati: Eddie and Denis O’Donnell – Irlanda; Hof Butendiek – Germania; Hielke and Hanny de Rooij – Paesi Bassi; Velghe Jean-Marie – Belgio; Mariusz Duda – Polonia; Gavino Pulinas – Italia;  Earl Bordeau – Francia; Per and Tore Larsson – Svezia. Per informazioni sulle aziende dei premiati, si invita a leggere i rispettivi ritratti aziendali sul sito di progetto www.inno4grass.eu  e su www.encyclopediapratensis.eu . Sui siti si trovano altri dettagli sulle innovazioni introdotte nelle aziende dei premiati e di altri allevatori innovativi. Il progetto Inno4Grass  è stato finanziato dall’Unione Europea nell’ambito di Orizzonte 2020, il programma di ricerca ed innovazione, col contratto numero 727368.

Il ruolo di A.I.A.

  L’Associazione Italiana Allevatori è uno dei 3 partner  italiani di Inno4Grass , progetto che si trova ormai al terzo ed ultimo anno di svolgimento. Il direttore tecnico di A.I.A., Riccardo Negrini, è il referente dell’Associazione Italiana Allevatori del progetto, Lorenzo Pascarella è un Agente Facilitatore di Inno4Grass . L’ultimo anno vedrà l’A.I.A. ancora impegnata ad organizzare incontri multidisciplinari (Practice and Science meeting ) tra allevatori, tecnici del settore e Pubblica Amministrazione, individuando aziende Innovative nel settore dei prati-pascoli. Per info: mail pascarella.l@aia.it


 


Progetto LEO

ProgettoLEO

Inno4Grass

Inno4Grass
Adempimenti ai sensi della legge n. 124/2017
Finanziamenti

Farm to Fork: iscrizioni aperte

FarmtoFork

Adempimenti ai sensi della legge n. 124/2017
Finanziamenti

"Agra Press" intervista il Presidente A.I.A.

"Agra Press" intervista il Presidente A.I.A.