Lingua: Italiano English


Home page Aia Home page Aia
Logo Aia

  07/11/2019
“Sala stampa”: zootecnia, agricoltura e cibo su quotidiani, periodici, web ed agenzie – a cura di Camillo Mammarella

Seicento milioni di euro di risorse in campo per la manovra economica nel settore primario – Ieri, mercoledì 6 novembre 2019 a Roma, presso il “Parlamentino” del Mipaaf, si è tenuta una conferenza stampa presieduta dalla ministra delle Politiche agricole, alimentari e forestali, Teresa Bellanova, che ha illustrato i principali punti della manovra economica riguardanti agricoltura e pesca. Un articolo di sintesi dell’incontro è sul quotidiano pugliese “La Gazzetta del Mezzogiorno “ di oggi, giovedì 7 novembre 2019, a pagina 6, pezzo firmato da Alessandra Flavetta. “In una fase difficile, con risorse limitate, abbiamo trovato 600 milioni in manovra per l’agricoltura, che investiremo nel triennio 2020-2022 per il sostegno del settore, mantenendo l’impegno di non aumentare le tasse agli agricoltori”, ha spiegato la titolare Mipaaf. Oltre agli interventi previsti in Legge di Bilancio, la Ministra ha annunciato un Disegno di legge Collegato, dedicato al mondo agricolo, che si coordinerà con il Piano strategico nazionale. Conferma per l’azzeramento Irpef per coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali. “Significa quasi 200 milioni di euro che lasciamo alle imprese per investire”, ogni anno, che si aggiunge alla cancellazione stabile dell’Imu sui terreni agricoli e dell’Irap, per un beneficio fiscale che al Ministero calcolano in un miliardo di euro. Altri provvedimenti riguarderanno l’imprenditoria femminile, i giovani, l’agricoltura sociale e la lotta allo spreco alimentare.

Anche i prodotti della suinicoltura avranno la loro tracciabilità – Nella platea della conferenza stampa di ieri al Mipaaf era presente anche il presidente nazionale di Coldiretti, Ettore Prandini, che nell’esprimere soddisfazione per il quadro tracciato dalla Ministra ha colto l’occasione per fare il punto su alcune altre questioni di primaria importanza per il settore agricolo. Un reportage  sull’argomento è sul “Corriere dell’Umbria “ di oggi, giovedì 7 novembre 2019, a pagina 3, in un pezzo da Roma titolato “Coldiretti: ‘l’etichetta sui salumi è attesa dal 93% degli italiani' “. L’articolo inizia con queste affermazioni del leader  nazionale dei coltivatori diretti: “L’obbligo dell’etichettatura d’origine di tutti i salumi è attesa dal 93% degli italiani che ritengono importante conoscere l’origine degli alimenti e dire finalmente basta all’inganno di prosciutti e salami fatti con carne straniera ma spacciati per Made in Italy “. L’Italia – conclude tra l’altro il pezzo – è, infatti, all’avanguardia in Europa proprio grazie al pressing  della Coldiretti che ha fatto scattare anche l’obbligo di indicare in etichetta l’origine per pelati, polpe, concentrato e degli altri derivati del pomodoro grazie alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale 47 del 26 febbraio 2018, del Decreto Interministeriale per l’origine obbligatoria sui prodotti come conserve, salse, oltre a concentrato e sughi, composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro.

Non solo cinghiali, pure il monitoraggio di canidi selvatici è importante per prevenire le predazioni incontrollate – Mentre a Roma si manifesta per il problema cinghiali ed altri animali selvatici, in altre parti del Paese si continuano a studiare rimedi per monitorare lupi e cani rinselvatichiti, per studiarne gli spostamenti ed anche per prevenire predazioni incontrollate. Un articolo di approfondimento è sul “Corriere delle Alpi “ di oggi, giovedì 7 novembre 2019, a pagina 18, nel quale Irene Aliprandi spiega il progetto di dotare i lupi con un radiocollare, per seguire gli animali più da vicino, anche per capirne meglio le dinamiche di branco messo in campo dalla Regione Veneto con la Polizia Provinciale bellunese. L’operazione, che vede la collaborazione dell’Amministrazione regionale con la Polizia Provinciale, prevede la cattura e “radiocollatura” di uno degli esemplari di lupo presente lungo la dorsale del Visentin, montagna delle Prealpi bellunesi. Un altro partner  del progetto è il Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Sassari, il cui coordinatore scientifico è il prof. Marco Apollonia, uno dei maggiori esperti sul lupo a livello nazionale.


 


Inno4Grass

Inno4Grass

Farmers 3.0


Farmers

AIA partecipa al consorzio EIT

eitfood
Adempimenti ai sensi della legge n. 124/2017
Finanziamenti

Petizione stop cibo anonimo

StopCiboAnonimo