Lingua: Italiano English


Home page Aia Home page Aia
Logo Aia

  01/12/2019
La Fattoria di A.I.A. e del Sistema Allevatori ed i laboratori didattici animano il Villaggio Contadino a Matera

La giornata di chiusura della “tre giorni” del “Villaggio Contadino” organizzato da Coldiretti a Matera si è aperta all’insegna del sole e della grande affluenza presso gli stand dei mercati per un anticipo delle spese di Natale, a sostegno anche degli agricoltori e allevatori colpiti dalle avversità atmosferiche e naturali. Anche nel corso di domenica 1° dicembre, quindi, sono proseguite sia l’esposizione degli animali della biodiversità lucana e delle regioni nella piccola stalla-presepe a cielo aperto allestita da A.I.A. e dal Sistema Allevatori nel centro storico della Città dei Sassi, patrimonio Unesco e nel 2019 proclamata Capitale europea della Cultura, sia le attività divulgative e dimostrative tecniche e culturali sul valore della zootecnia. Una giornata dedicata alla civiltà contadina e alle sue tradizioni, perfettamente integrata con il messaggio legato all’innovazione ed alle potenzialità di sviluppo dell’allevamento lucano e del Mezzogiorno. “Anche questa nostra presenza a Matera - afferma il presidente dell’Ara Basilicata Palmino Ferramosca, affiancato dal direttore Augusto Calbi, che assieme a tutto lo staff  dell’Associazione si è adoperato per la piena riuscita dell’iniziativa – conferma il valore aggiunto della zootecnia per l’economia del territorio e la sua voglia di protagonismo. Progetti quali quelli riguardanti la certificazione delle carni della razza Podolica al pascolo, che ha avuto il suo riconoscimento istituzionale, o quelli per la tracciabilità dei prodotti lattiero-caseari e del marchio ‘Io sono Lucano ’, promosso dalla locale Coldiretti, dimostrano che la strada intrapresa è quella giusta. Gli allevatori ed il loro sistema organizzativo dimostrano capacità progettuali e di risposta anche nei confronti dei cittadini-consumatori”. Ed il pubblico affluito a Matera in questi giorni ha dimostrato di apprezzare la serietà e validità degli sforzi compiuti dagli allevatori: grande interesse infatti hanno suscitato le attività tecnico-divulgative organizzate da A.I.A. e da Ara Basilicata sulle tradizioni della transumanza, sulle caratteristiche di alcuni animali, quali ad esempio i conigli, e sulla storia bimillenaria dell’allevamento nella penisola italica. “Abbiamo dimostrato qui a Matera – aggiungono il presidente dell’Associazione Italiana Allevatori, Roberto Nocentini ed il direttore generale Roberto Maddé – anche lo stretto legame tra agricoltura, allevamento, cultura e tecnica. Nelle nostre attività di laboratorio, oltre alle prove di caseificazione con latte proveniente dalla mungitura della razza bovina Podolica, abbiamo illustrato nel dettaglio al pubblico, soprattutto ai più giovani, come si alimentano nella realtà gli animali allevati, con foraggi di qualità e spesso provenienti dalle stesse aziende d’allevamento. Ma non sono mancate anche alcune curiosità, come ad esempio l’impiego nel tempo dei capi bufalini per ‘aprire la strada’ nel guado dei corsi d’acqua per agevolare la transumanza delle mandrie bovine e ovine. Uno ‘spaccato’ storico e culturale che appartiene al mondo allevatoriale e che abbiamo voluto trasmettere anche alle giovani generazioni”.


 


Inno4Grass

Inno4Grass

Farmers 3.0


Farmers

AIA partecipa al consorzio EIT

eitfood
Adempimenti ai sensi della legge n. 124/2017
Finanziamenti

Petizione stop cibo anonimo

StopCiboAnonimo